A Mottola il live dei Terraròss tra tradizione e divertimento

Giovedì 25 luglio i Terraròss, suonatori e menestrelli della bassa Murgia, si esibiranno al Cafènzo di Mottala (Ta) con il loro caratteristico concerto-spettacolo fatto di tarantelle, pizziche e tammuriate, che rende omaggio alla tradizione pugliese, coinvolgendo, intrattenendo e divertendo i presenti.

Questo gruppo musicale ha preso forma proprio come progetto di ricerca, atto a riscoprire e valorizzare la cultura di un tempo. Nel 2006. Dominique Antonacci e Giuseppe De Santo, entrambi già musicisti residenti a Roma per lavoro, hanno iniziato a suonare insieme con l’intento di promuovere le nostre più profonde tradizioni. E dopo tanti anni di attività, dopo essersi esibiti non solo in tutta Italia, ma anche Europa e Oceania, i Terraròss rappresentato a buon diritto degli ambasciatori della tradizione.

La musica popolare  – ha affermato Dominique – è semplice, diretta, immediata, sincera, felice, triste, facile e arriva proprio a tutte le età. Il nostro spettacolo coinvolge molto il pubblico facendolo diventare parte integrante. In tal modo abbattiamo letteralmente la quarta parete e lo facciamo con la musica, la semplicità, la genuinità, la teatralità, la simpatia, e la travolgente forza che ci contraddistinguono”.

Dominique Antonacci, Giuseppe De Santo, Annarita Di Leo, Vito Gentile, Carlo Porfido, Nico Vignola, Stefano Pepe e Ciccio Raguso, durante l’esibizione che avrà inizio alle 21:30 e il cui accesso sarà gratuito, eseguiranno i brani più apprezzati della discografia dei Terraròss come “Apulia”, “Ze Vecinze”, “All’alì” e altri ancora, ma anche le canzoni della tradizione popolare meridionale, riproposte con la simpatia e l’ilarità che contraddistingue il gruppo. Ad accompagnare i musicisti ci saranno le ballerine, tra le quali Caterina Totaro, Miriana Gentile e Ornella Cavallo. Il tutto poi sarà condito con sketch e gags che rendono lo spettacolo molto coinvolgente.

Noi vogliamo divertirci con il nostro pubblico, in modo che ogni serata sia indimenticabile per loro e anche per noi. La musica è condivisione, magia ed è soprattutto l’unica forza che può farci staccare la spina dalla vita quotidiana. La gente ha bisogno di questo, soprattutto in questo momento storico”.


Close Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


9 − = cinque