Blog

CULTURA TURISMO ED EVENTI

Convegno internazionale di valorizzazione dei riti di Taranto nel mondo cattolico al Castello Aragonese

Si é svolto con grande entusiasmo il Convegno internazionale di valorizzazione dei riti di Taranto nel mondo cattolico’ al Castello Aragonese
Presenze illustri: Adelardo Mora Guijosa, ex Hermano Mayor Hermandad del Huerto Granada e commissario per la coronazione canonica della Virgen de la Amargura, e Don Jesús L. Muros Ortega, presidente Real Federacion delle Hermandades y cofradías di Granada 
Si conferma quanto sia forte il legame tra i Riti di Taranto e quelli spagnoli,
da ricerche storiche Gigi Montenegro induce a pensare che Taranto abbia seminato in Spagna queste tradizioni e proprio ieri 21 febbraio al Salone della Provincia, ha presentato il suo ultimo lavoro proprio sui Riti e Misteri.



Video
http://www.tarantoturismo.eu/wp-content/uploads/2020/02/video-1582381526.mp4

http://www.tarantoturismo.eu/wp-content/uploads/2020/02/video-1582381156.mp4

http://www.tarantoturismo.eu/wp-content/uploads/2020/02/video-1582381190.mp4

Il Comando Marittimo Sud, ha sottolineato il comandante Tasca, non fa mancare il supporto alla città. Il sostegno è arrivato dalle confraternite dell’Immacolata e dell’Addolorata, nonchè da partner quali Conad e Fondazione Oro6. Infine, come prevedibile, molto soddisfatto Gianni Liviano,
che ha ringraziato quanti hanno contribuito alla stesura della proposta di legge, che é diventata da 2 giorni già legge sulla Settimana santa in Puglia, mettendo in evidenza da subito quanta importanza possa avere la valorizzazione dei riti, e in particolare riconoscendo quelli di Taranto quale riferimento principale che possa fare da volano ad altri riti della Regione Puglia.

“Valorizzazione dei riti di Taranto nel mondo cattolico”

Una grande opportunità di promozione della nostra Settimana Santa, e del nostro territorio, giungerà dal
Convegno internazionale su “Valorizzazione dei riti di Taranto nel mondo cattolico” che si terà sabato 22 febbraio al Castello Aragonese alle ore 9,30. Parteciperanno anche relatori provenienti dalla Spagna dove i riti pasquali hanno una lunga tradizione.
Ricordiamo che Il giorno prima il 21 febbraio ci sarà anche presso il Salone della Provincia, la presentazione del libro di Gigi Montenegro “Riti e misteri”; interverranno, oltre all’autore, Marcello Di Noi (direttore del Corriere di Taranto) e mons. Giovanni Lanzafame. La serata sarà condotta da Gabriella Casabona.

ECOSISTEMA TARANTO?

Secondo il nostro parere é presto parlare di Resilient city
Un’amministrazione comunale dovrebbe anche tenere sotto controllo il BES della propria cittadinanza,
il benessere equo e sostenibile (BES) è un indice, sviluppato dall’ISTAT e dal CNEL, per valutare il progresso di una società non solo dal punto di vista economico, come ad esempio fa il PIL, ma anche sociale e ambientale e corredato da misure di disuguaglianza e sostenibilità, di qui il collegamento al concetto di sostenibilità.
Una città sostenibile
 è quindi una città resiliente, che produce economia significativa, come dimostrano gli esempi di altri Paesi europei, investendo sullo sviluppo di una strategia nazionale per l’adattamento ai cambiamenti climatici e alla resilienza.
La Danimarca, la Spagna, la Gran Bretagna, infatti, vedono oggi le proprie aziende leader nel mercato dell’acqua, delle infrastrutture verdi e delle tecnologie per le smart cities. In Italia abbiamo già perso il treno della green economy per mancanza di programmazione e stiamo perdendo anche quello dell’economia dell’adattamento e della trasformazione resiliente del nostro sistema socio-economico.
Ieri ed oggi al teatro Fusco si é parlato anche di politiche della diversificazione economica siamo curiosi di sapere i risvolti e come si giustificheranno determinate decisioni politiche a Taranto

Conferenza stampa del Movimento associazioni e cittadini pro aeroporto di Taranto-Grottaglie

NON SOLO PROTESTA.
TARANTO DEVE VOLARE.
Dalla conferenza stampa del Movimento associazioni e cittadini pro aeroporto di Taranto-Grottaglie con la partecipazione del Comitato Taranto Futura. Oltre che sugli sviluppi sulla vicenda dello scalo jonico, è stato posto l’accento anche sulla situazione generale delle infrastrutture trasportistiche. Specialmente in relazione all’ulteriore impoverimento delle tratte ferroviarie in partenza da Taranto, in parte già avvenuto. Nell’intervista Cinzia Amorosino, (tra i relatori al tavolo con: avv. Nicola Russo, Stefania Bellanova, Giacomo Lanzafame) cita, in sintesi, gli argomenti trattati.
http://www.facebook.com/2025722774419499/videos/2517852748299228
https://www.facebook.com/stefania.bellanova/videos/10219808658107599

A Mottola il live dei Terraròss tra tradizione e divertimento

Giovedì 25 luglio i Terraròss, suonatori e menestrelli della bassa Murgia, si esibiranno al Cafènzo di Mottala (Ta) con il loro caratteristico concerto-spettacolo fatto di tarantelle, pizziche e tammuriate, che rende omaggio alla tradizione pugliese, coinvolgendo, intrattenendo e divertendo i presenti.

Questo gruppo musicale ha preso forma proprio come progetto di ricerca, atto a riscoprire e valorizzare la cultura di un tempo. Nel 2006. Dominique Antonacci e Giuseppe De Santo, entrambi già musicisti residenti a Roma per lavoro, hanno iniziato a suonare insieme con l’intento di promuovere le nostre più profonde tradizioni. E dopo tanti anni di attività, dopo essersi esibiti non solo in tutta Italia, ma anche Europa e Oceania, i Terraròss rappresentato a buon diritto degli ambasciatori della tradizione.

La musica popolare  – ha affermato Dominique – è semplice, diretta, immediata, sincera, felice, triste, facile e arriva proprio a tutte le età. Il nostro spettacolo coinvolge molto il pubblico facendolo diventare parte integrante. In tal modo abbattiamo letteralmente la quarta parete e lo facciamo con la musica, la semplicità, la genuinità, la teatralità, la simpatia, e la travolgente forza che ci contraddistinguono”.

Dominique Antonacci, Giuseppe De Santo, Annarita Di Leo, Vito Gentile, Carlo Porfido, Nico Vignola, Stefano Pepe e Ciccio Raguso, durante l’esibizione che avrà inizio alle 21:30 e il cui accesso sarà gratuito, eseguiranno i brani più apprezzati della discografia dei Terraròss come “Apulia”, “Ze Vecinze”, “All’alì” e altri ancora, ma anche le canzoni della tradizione popolare meridionale, riproposte con la simpatia e l’ilarità che contraddistingue il gruppo. Ad accompagnare i musicisti ci saranno le ballerine, tra le quali Caterina Totaro, Miriana Gentile e Ornella Cavallo. Il tutto poi sarà condito con sketch e gags che rendono lo spettacolo molto coinvolgente.

Noi vogliamo divertirci con il nostro pubblico, in modo che ogni serata sia indimenticabile per loro e anche per noi. La musica è condivisione, magia ed è soprattutto l’unica forza che può farci staccare la spina dalla vita quotidiana. La gente ha bisogno di questo, soprattutto in questo momento storico”.


Scopriamo Taranto 2019

Riceviamo e pubblichiamo:
Si é svolta a Taranto c/o Ipercoop la fiera del turismo 2019 coordinata da Giovanna Bonivento, che è nota ed amata per il suo modo avvolgente scientifico e coinvolgente di valorizzare il territorio tarantino. Archeologa e guida turistica abilitata, già fondatrice sin dal 1994 di un’Associazione Turistica denominata Pro Loco di Lama, docente nei corsi di formazione su Turismo e Beni Culturali, riesce ad armonizzare con estrema naturalezza nel Patrimonio Culturale un pò tutti gli ingredienti essenziali che fanno del vero turismo il lasciapassare per una rinascita e possibilmente riconversione economica di Taranto e dell’intera provincia. Gode di fiducia dello staff interno di Ipercoop Mongolfiera a partire dal Direttore il Manager dr. Stefano Derrico e referente interno alla logistica dei gazebi Giacomo Andriani, per cui le affidano spesso un compito delicato e complesso: coordinare (e non è semplice nel periodo estivo e spesso con poco tempo davanti) gazebi ad enti, istituzioni ed associazioni ma anche aziende strettamente collegate al territorio, un certo numero di “gazebi” in Mongolfiera per stimolare il pubblico a rivolgere lo sguardo su: luoghi, tradizioni,patrimonio insomma. Solo facendo vera sinergia in spirito di amicizia-sostiene Giovanna Bonivento-il territorio tarantino crescerà e come!! La fiera è stata utile per orientare sugli eventi estivi proposti dagli espositori.
La direzione del portale Tarantoturismo.eu nella persona di Stefania Bellanova ringrazia l’organizzazione dell’ipercoop dell’evento fieristico e la Dott.ssa Giovanna Bonivento con la quale abbiamo collaborato nel coinvolgimento di alcune eccellenze del territotio, come ad es: l’Antica Apicoltura Dimauro, Giaia Vini di Carosino e il Movimento cittadini e associazioni pro Aeroporto di Taranto. Un ringraziamoento va a tutti i partecipanti comunque che rappresentano parte importante d’eccellenza del nostro terriorio.


Il “Movimento associazioni e cittadini pro Aeroporto di Taranto-Grottaglie” comunica il suo disappunto

Il “Movimento associazioni e cittadini pro Aeroporto di Taranto-Grottaglie” comunica il suo disappunto per le ultime comunicazioni ufficiali della Regione Puglia in merito a due voli passeggeri provenienti da Praga e Bratislava e atterrati oggi allo scalo jonico. Le modalità in cui viene data la notizia lascia intravedere elementi di novità inesistenti nell’ambito della gestione da parte della società di gestione AdP, e quindi della Regione Puglia, assomigliando al solito spot di stampo elettoralistico che crea la notizia bomba laddove non c’è nulla di nuovo. Nella comunicazione dell’assessorato regionale si afferma, tra l’altro: “Si tratta di una notizia molto importante che conferma il grande lavoro fatto dalla Regione Puglia e da Aeroporti di Puglia SpA per rilanciare l’aeroporto jonico anche con riferimento al traffico civile”. Dando così ad intendere che l’aeroporto si stia aprendo ai voli commerciali (passeggeri) di linea, gli unici che porterebbero sviluppo economico, nuova occupazione e una crescita della intera Comunità.
Il Movimento cittadino pro Aeroporto chiede dunque agli Organi di informazione di fornire una corretta informazione ai cittadini, trattandosi di due semplici voli charter, come quelli già avvenuti svariate volte negli ultimi anni, proteggendo in questo modo i cittadini ignari dalle continue prese in giro da parte della gestione aeroportuale pugliese.
Il Movimento la reputa e la condanna alla stregua di una vera offesa alla intelligenza di tutti.

1°MAGGIO UNITI PER LA GIUSTIZIA AMBIENTALE E CLIMATICA

Riceviamo e pubblichiamo
1°MAGGIO UNITI PER LA GIUSTIZIA AMBIENTALE E CLIMATICA
Dopo la straordinaria mobilitazione del 23 marzo scorso che ha visto sfilare per le strade di Roma 100 mila donne e uomini che ogni giorno nei loro territori resistono con tenacia alle devastazioni ambientali, all’imposizione dall’alto di grandi opere inutili e dannose e che lottano per affermare giustizia ambientale e sociale, quelle stesse donne e quegli stessi uomini tornano in piazza, in tre piazze, Taranto, Napoli e Rende, per celebrare le lavoratrici ed i lavoratori, ma anche i precari, i disoccupati e coloro che sono penalizzati e schiacciati da un lavoro che è sempre più legato ad un inaccettabile ricatto occupazionale e sociale.In questo primo maggio 2019, attraverso tre concerti, in contemporanea, si esibiranno numerosissimi artisti che sostengono le nostre rivendicazioni, perché la musica è uno strumento potente e noi intendiamo usarlo per arrivare al cuore delle persone. #unomaggioliberoepensante di Taranto sa bene quanto sia difficile vincere la puntuale indifferenza dei media nazionali, al soldo di una informazione condizionata. Oggi ci sentiamo più forti perché siamo insieme. Cosenza, Napoli e Taranto rispondono all’unisono alle politiche separatiste e sempre più scellerate di un governo che ignora, come chi lo ha preceduto, le esigenze delle comunità, sostenuti da sindacati complici che hanno dimenticato le conquiste per i lavoratori ottenute a prezzo della vita. Siamo insieme per ribadire che non esiste una contrapposizione tra lavoro, ambiente e salute ma che è necessario lavorare tutt* assieme per la costruzione di una società più giusta, dove non si sia costretti a morire sui posti di lavoro, rischiando di ammalarsi, in luoghi insalubri, di malattie incurabili, per non morire di fame.Una protesta comune perché il luogo in cui si nasce non segni il proprio destino ancor prima di averlo costruito, perché le nostre radici non siano la condanna che negli anni continuiamo a registrare: più di un milione di “emigranti” del terzo millennio, dei quali ben oltre la metà non ha più fatto ritorno al sud! Cambiano le facce, i documenti e le valigie ma il dramma di scegliere fra la propria terra e il proprio futuro è “una storia che si ripete” e a cui diciamo basta. Tre piazze gemellate, unite, che respirano all’unisono insieme ai movimenti di difesa del territorio di tutta Italia, come hanno fatto le migliaia di persone che hanno sfilato per le strade di Roma. Come un’unica entità, come un corpo solo, presente ovunque si lotti per i diritti di tutti. Un saluto ai compagni NoTav che con ilFestival dell’alta felicità celebrano, come noi, in musica, la resistenza ad ogni tentativo di sottomissione politica, economica e sociale.Ci vediamo il primo maggio in piazza Dante a Napoli, al Parco Archeologico delle mura greche a Taranto ed al parco Robinson di Roges a Rende (CS).

Rete Stop BiocidioComitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti TarantoCoordinamento comitati calabresi